Tartufi wafer e nutella

Tartufi wafer e nutella.

Tartufi wafer e nutella.
Dei deliziosi dolcetti fatti
con i wafer e la nutella
facili da fare e senza cottura.

Tartufi wafer e nutella.
Tartufi wafer e nutella.

Ingredienti

150 g di wafer alla nocciola
100 g di nutella
200 g di mascarpone
Cacao amaro

Tartufi wafer e nutella

Prima di tutto tritare i wafer.

Dopodiché sciogliere la nutella a bagnomaria.

Poi in una ciotola amalgamare il mascarpone e la nutella.

Alla fine unire i wafer tritati.

Lavorare il composto con le mani.
e far riposare in frigorifero per circa un’ora.

Trascorsa l’ora prendere il composto dal frigorifero e formare delle palline.

Infine mettere i tartufi in frigorifero,fino al momento di servirli.

Prima di servirli ricoprirli di cacao amaro.

Buon appetito 🙂

Tartufi wafer e nutella.

Se ti è piaciuta questa ricetta sicuramente
ti piacerĂ  anche questa delle palline
nutella e mascarpone, clicca qui per vedere
la ricetta.

Seguimi sulla mia pagina Facebook
se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette.

CuriositĂ  sui tartufi:

I tartufi sono dei cioccolatini a forma sferica tradizionalmente a base di cioccolato, burro, uova e ricoperti di cacao in polvere.
Il loro nome deriva proprio dalla somiglianza irregolare del classico tartufo piemontese (fungo).

Si narra che ad idearlo fu l’Italiana Nadia Maria Petrucelli. Nella pasticceria dove lavorava rimasero a corto di materia prima e così ha elaborato questi cioccolatini con prodotti di scarto.

Ma solo in seguito raggiunsero la popolaritĂ  tra il pubblico quando iniziarono ad essere messi in commercio a Londra nel negozio di cioccolato di Antoine Dufour.

Poi c’è il tartufo in versione gelato che arriverĂ  negli anni 50’in Calabria a Pizzo (Vibo Valentia). Il maestro gelatiere siciliano Giuseppe De Maria rimase senza granite durante il rinfresco di un matrimonio e così ebbe l’idea di formare delle palline di gelato, metĂ  alla nocciola e metĂ  al cioccolato, con dentro un cuore di cioccolato fondente liquido, ricoperto di cacao amaro e un’amarena, così nacque il tartufo di Pizzo.

Print Friendly, PDF & Email
Tags from the story
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.